http://www.bellaumbria.net/wp-content/themes/bellaumbria/overlay/home.jpg
Cerca Hotel e Agriturismo
1  Camera  2  Adulti  0  Bambini
OK
Ceramiche Deruta

Ceramiche e Maioliche di Deruta

Descrizione

Il binomio Deruta maioliche così come quello Deruta ceramiche risulta essere sicuramente indissolubile e caratteristico per questo piccolo borgo. Le prime maioliche e ceramiche di Deruta furono realizzate nel Medioevo.

Quando è nata la ceramica di Deruta?
La ceramica di Deruta, sebbene documenti ufficiali dimostrino che si fabbricavano ceramiche e maioliche a Deruta sin dal tredicesimo secolo, dovrebbe avere origine quanto meno un secolo prima. Comunque alla fine del tredicesimo secolo Deruta aveva prodotto ceramiche e maioliche in tale quantità da poter pagare le tasse impostegli da Perugia in vasi invece di denaro. Alla fine del quattordicesimo secolo, Deruta aveva pertanto assunto un ruolo di produttrice "regionale" di ceramiche ed era divenuta, per così dire, esportatrice. Secondo le testimonianze infatti, già nel 1358 aveva esportato oltre mille vasi di ceramica di Deruta ad Assisi, patria di San Francesco, luogo in cui era abbondante il bisogno di articoli per la tavola e di souvenirs per i pellegrini venuti a visitare la tomba del Santo.

Il periodo più ricco fu senza dubbio il sedicesimo secolo, quando i suoi artigiani parteciparono, al clima della rivoluzione artistica e culturale del Rinascimento. E' proprio in questo periodo che diviene popolare il famoso decoro Raffaellesco, simbolo della produzione di ceramica. Agli inizi del secolo, Raffaello dipinse una serie di affreschi a decorazione di una Loggia nel Vaticano e alcuni dei suoi motivi sono "grotteschi": una fantastica composizione con piante, animali ed uomini. I maestri artigiani, seppur non avendo visto personalmente tali affreschi, ne furono a conoscenza grazie a stampe ed i motivi grotteschi presero vita nelle loro ceramiche. Dalla fine del diciassettesimo secolo al diciannovesimo secolo la città risentì della generale crisi politica ed economica ed anche della crescita della competizione da parte di altri luoghi di produzione, quali ad esempio Castelli d'Abruzzo.
Occorre attendere fino alla seconda metà del diciannovesimo secolo per assistere al rifiorire dell'interesse per la maiolica "rinascimentale" e quindi la ceramica derutense. Quindi è assolutamente il caso, per colui che ha la fortuna di visitare l'Umbria, di fermarsi nelle aziende e nelle botteghe specializzate in questo tipo di produzione. Coloro che, invece, non possono concedersi adesso una vacanza in questa regione, trovano un valido e fornito shop online nel nostro sito, in modo che pur non potendo scoprire dal vero i segreti dell' arte della modellazione e della cottura dell' argilla, potranno almeno ammirarla direttamente nelle proprie case.