http://www.bellaumbria.net/wp-content/themes/bellaumbria/overlay/itinerari.jpg
Cerca Hotel e Agriturismo
1  Camera  2  Adulti  0  Bambini
OK
Todi_piazza_del_popolo

Cosa Vedere A Todi In Un Giorno

Cosa vedere a Todi? Ecco la miniguida per sapere cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare a Todi!

Nota come “la città più vivibile del mondo” (ma i tuderti preferiscono dire “città ideale”!), Todi è una città medievale di una bellezza ed eleganza unica che sorge in cima ad una collina a dominare l’incantevole valle del Tevere.

Situata a pochi chilometri da Perugia e Orvieto, la cittadina è circoscritta tra tre cerchia di mura (etrusche, romane e medievali) che racchiudono innumerevoli tesori.  Tra le cose da vedere a Todi, una delle vedute più belle è sicuramente quella di Piazza del Popolo, cuore pulsante della cittadina  su cui si affacciano alcuni degli edifici più importanti del centro storico che si contrappongono, con un effetto suggestivo, al complesso religioso.

Qui potrete ammirare il complesso del Palazzo Comunale, nato dall’unione del Palazzo del Popolo in cui sono ospitati il Museo lapidario, la Pinacoteca Civica e il Museo Etrusco Romano, il duecentesco Palazzo del Capitano e il Palazzo dei Priori, forse il più bello dei tre e che fu terminato nel XIV secolo.

Il Duomo, eretto nel XII secolo sui resti di un tempio dedicato al dio Apollo, è caratterizzato da una lunga scalinata d’accesso e da una bella facciata romanica; salendo le scale, dall’alto della gradinata, potrete scattare fantastiche foto dell’intera Piazza.
Poco distante, a circa 20 metri dalla piazza si trova la Chiesa di san Fortunato, dedicata al santo patrono della città ed edificata nel XIII secolo, che conserva nella cripta la tomba del poeta umanista Jacopone da Todi e presenta un bellissimo affresco di Masolino da Panicale;

Non tutti sanno che...>>  Il frate poeta autore delle Laude divenne frate a 48 anni passando  da una vita libertina ad una condizione di totale penitenza, per essere poi scomunicato e incarcerato a 67 anni, per essersi opposto all’elezione di papa Bonifacio VIII. A distanza di secoli continua a essere una figura discussa e scomoda a tal punto che sulla sua lapide fu volutamente anticipata di dieci anni la data della sua morte, così da stendere un velo sul periodo della sua scomunica.

Nei nostri suggerimenti su cosa vedere a Todi non può mancare il Tempio della Consolazione, eseguito nel XVI secolo su disegno di Bramante che presenta una struttura a pianta centrale sormontata da una bella cupola e che ospita sul suo altare un’ antica immagine della Madonna, la quale, secondo la tradizione, era miracolosa. 

>>Vuoi visitare Todi? Consulta ora le offerte dei migliori hotel a Todi.

 

Cosa fare a Todi

Cosa fare a Todi? Per sperimentare davvero la bellezza di Todi vi suggeriamo una visita ai suoi tesori sotterranei, le Cisterne. Costruite dai Romani, sono situate proprio sotto Piazza del Popolo e venivano utilizzate per raccogliere l’acqua piovana. 

Un altro suggerimento su cosa fare a Todi: un tuffo nel Medioevo! Attraversate i tre borghi medioevali di Ulpiano, Nuovo e di Porta Fratta e la zona della Valle inferiore detta dei Pontigli; all'interno degli angusti vicoli si aprono frequentemente le porte a tutto sesto delle antiche botteghe artigiane, facenti capo, in epoca medioevale, alle ventitré corporazioni di arti e mestieri che dominavano l'intera vita economica cittadina; erano spesso le stesse corporazioni, oltre agli ordini monastici, a commissionare la costruzione delle numerose piccole chiese e degli oratori di cui sono ancora visibili le tracce.
Adiacente a Piazza del Popolo, Piazza Garibaldi offre una vista mozzafiato della campagna sottostante e per un'altro bel panorama vi suggeriamo di salire sul suo punto più alto, il campanile di San Fortunato, da cui è possibile intravedere persino Perugia.

>> Ci sono offerte  in scadenza! Clicca e consulta la lista dei migliori agriturismi nella zona di Todi! 

Non tutti sanno che...>> A Todi si trova la casa dipinta di Patrick Ireland (alias Brian O’Doherty) e di Barbara Novack, una vera e propria opera d’arte contemporanea che nasconde profondi significati simbolici. La chiave per sciogliere l’enigma è l’OGHAM, una lingua estinta da oltre 1200 anni, con cui gli antichi Irlandesi tradussero l’alfabeto romano in linee. Così, quelli che apparentemente sembrano rigorismi geometrici fini a se stessi si rivelano essere delle lettere. E le sorprese continuano quando si scopre che dietro ad una simile scelta, come a quella del nome d’arte Patrick Ireland, c’è il Bloody Sunday del 1972, e la volontà di ricordare le vittime innocenti di quella domenica sanguinosa. 

Cosa mangiare a Todi

Se dopo aver seguito i nostri suggerimenti su cosa vedere a Todi vi è venuto un certo languorino abbiamo qualche consiglio da darvi su cosa mangiare a Todi.

Sulle tavole tuderti accanto al tradizionale pane troverete sicuramente il pan caciato (o nociato), un panetto tondo di piccole dimensioni con noci, formaggio e uvetta. Ma tra i nostri consigli su cosa mangiare a Todi non può mancare la palomba alla ghiotta, il piatto tuderte per antonomasia. Nei mesi invernali non c’è casa o ristorante in cui non facciano la loro comparsa i piccioni, che devono cuocere lentamente, infilzati allo spiedo, “con buon carbone, ma senza fiamma”.

Consulta i migliori ristoranti nella zona di Todi! >> Clicca e prenota

 

Per accompagnare la palomba vi consigliamo un buon bicchiere di Grechetto di Todi DOC, un bianco dal tipico colore giallo paglierino intenso, ricco di delicate note floreali e fruttate, talmente buono da essere stato citato addirittura da Plinio il Vecchio nel primo secolo dopo Cristo.

>>Se hai deciso di vedere Todi e assaggiare le sue specialità culinarie ti consigliamo di contattare ora gli hotel nelle sue vicinanze >> clicca questo link.