http://www.bellaumbria.net/wp-content/themes/bellaumbria/overlay/home.jpg
Basilica Di Santa Rita Da Cascia

Basilica di Santa Rita da Cascia

Tipologia:
  • Religione e Spiritualità
Indirizzo: Via del Santuario, 2 - Cascia
Telefono: (+39) 0743 75091
Fax: (+39) 0743 76202
www.santaritadacascia.org  
infobasilica@santaritadacascia.org

Descrizione

La prima pietra della Basilica di Santa Rita da Cascia fu posta il 20 giugno del 1937, solo dieci anni più tardi, il 18 maggio del 1947, l'edificio fu consacrato. L'aspetto attuale tuttavia si deve alla volontà di Papa Pio XII ed all'opera prima del Mons. Spirito Chiapetta e poi degli architetti Martinenghi e Calori. Non va tuttavia dimenticato l'apporto economico dei tanti devoti di Santa Rita da Cascia sparsi nel mondo e l'opera incessante della badessa Madre Teresa Fasce.

La Basilica, rivestita di travertino bianco tipico delle cave di Tivoli, presenta un'impianto a croce greca con quattro grandi absidi laterali e cupola centrale a dominare il presbiterio. L'artista Eros Pellini ha scolpito sul portale principale alcuni episodi della vita di Santa Rita da Cascia ed all'interno, in marmo di Carrara, le tappe della Via Crucis.

>>Vuoi visitare i luoghi di Santa Rita? Consulta ora le offerte dei migliori agriturismi nelle vicinanze di Cascia.

Altri artisti moderni di indiscutibile fama hanno partecipato alla realizzazione dell'edificio e degli arredi; le mura sono affrescate fra gli altri da Luigi Montanarini, Luigi Filocamo, Silvio Consadori e Gisberto Ceracchini, le suppellettili sacre e l'altare maggiore sono opera di Giacomo Manzù. Cesarino Vincenzi di Bologna è l'autore del quadro ad olio della Maddalena, dell'affresco del San Giuseppe nell'ingresso della Basilica e del bel soffitto ad affresco della sagrestia. Le spoglia terrene di Santa Rita riposano oggi protette dalla cancellata di sinistra ancora perfettamente conservate.

La Santa nata nel 1381 nella vicina Roccaporena e battezzata con il nome di "Margherita", per il volere del padre si sposò rinunciando, in un primo tempo, ad entrare in un convento Agostiniano secondo quelle che erano invece le sue più intime aspirazioni.

>> Ci sono offerte  in scadenza per b&b nella zona di Cascia e della Valnerina! Clicca e consultale subito.

Dopo 18 anni di un matrimonio travagliato e violento, la sua esemplare condotta spinse il marito a convertirsi. In un periodo di lotte comunali intestine il marito fu ucciso dalla famiglia dei Casciani; "Margherita" per evitare sanguinose e infinite vendette trasversali, perdonò i propri compaesani e trovò accoglienza nel Monastero delle Suore Agostiniane di Maria Maddalena. Nel 1442, la notte del Venerdì Santo, ricevette le stimmate da una spina della corona del Crocefisso, che secondo la tradizione, le si conficcò in fronte. Si spense il 22 maggio del 1447, e benché fosse oggetto di venerazione già negli ultimi anni della sua vita, solo nel 1628 fu beatificata da Papa Urbano VIII e solo il 24 maggio del 1900 fu santificata da Papa Leone XIII.

Santa Rita viene oggi celebrata durante il mese di maggio (in concomitanza con l'anniversario della sua morte)  a Cascia con una festa di 10 giorni (Celebrazioni Ritiane - Festa di Santa Rita) in cui viene ripercorsa la storia e la tradizione della Santa.

 >>Se hai deciso di vedere i luoghi di Santa Rita da Cascia ti consigliamo di contattare ora gli agriturismi della Valnerina>> clicca questo link.