http://www.bellaumbria.net/wp-content/themes/bellaumbria/overlay/itinerari.jpg
Cerca Hotel e Agriturismo
1  Camera  2  Adulti  0  Bambini
OK
amelia-panorama 2

Cosa Vedere Ad Amelia In Un Giorno

Curiosi di scoprire cosa vedere ad Amelia in un giorno? La nostra mini-guida vi condurrà alle antiche origini di Ameria, una piccola cittadina adagiata sulle colline umbro-laziali ricca di storia e tradizione! In un giorno.

A proteggere il centro storico, vera perla del comprensorio, la cinta muraria di epoca romana, la cui costruzione ebbe inizio tra il III e VI secolo a.C. con blocchi di calcare massiccio poligonali incastrati a secco tra loro. Attualmente oggetto di restauro dopo il crollo di circa 30 m della cinta, avvenuto il 18 gennaio 2006, sono una testimonianza della grandezza della città, tra le più antiche d'Italia. Porta Romana rappresenta l’ingresso principale (in totale sei) alla città murata. Risale al III secolo ma fu in parte ricostruita nel XVII. Notevoli i palazzi rinascimentali. Importante opera di Antonio da San Gallo il Giovane, in quanto rappresenta uno studio preparatorio per il più famoso Palazzo Farnese a Roma è rappresentato da Palazzo Farrattini (metà del VI secolo), il maggiore dei palazzi gentilizi "amerini della zona. Di proprietà comunale e visitabile su richiesta, Palazzo Petrignani, le cui decorazioni sono tradizionalmente attribuite alla scuola degli Zuccari. Edificata nel XIV secolo, la chiesa di Sant’Agostino è caratterizzata da un maestoso portale a ogiva e da numerosi affreschi di Francesco Appiani.

>>Vuoi visitare Amelia in un giorno? Consulta ora le offerte dei migliori agriturismi nelle vicinanze.

Cosa vedere ad Amelia di medievale in un giorno? Su Piazza Marconi, che conserva ancora parte dell'originaria pavimentazione, si affaccia la Loggia del Banditore. Tipica tribuna da cui venivano emanati gli editti e letti i bandi alla popolazione, la loggia è sormontata da un orologio e affiancata da una colonna eretta nel 1479 in onore di Stefano Colonna. Proseguendo la passeggiata per i vicoli, si giunge fino in cima al paese dove è possibile ammirare la Torre civica dodecagonale risalente all’anno Mille e l’adiacente Cattedrale dedicata a Santa Fermina, Patrona di Amelia. Al suo interno stendardi sottratti ai turchi durante la battaglia di Lepanto (1571). Di fronte al duomo l’incantevole paesaggio offerto dal Belvedere.

A circa 4 km dal centro storico, situato nel cuore di un'area verde e abitato dai Frati Minori Francescani, il Convento della SS. Annunziata fu edificato nel XIV sec. La costruzione presenta un armonioso chiostro rinascimentale, mentre al suo interno è possibile ammirare una tela con L'Annunciazione di Domenico Bruschi (1890), autore anche degli affreschi della "Cappella del Transito" nel santuario della Porziuncola. Un’attrattiva di grande interesse artistico e religioso è il presepe permanente opera dell'artista spagnolo Juan Maria Oliva. È inoltre possibile visitare il Planetario situato nei pressi del convento.

>> Vuoi visitare i luoghi francescani  di Amelia? Contatta ora i migliori hotel nella zona di Amelia e scopri le offerte!

Cosa fare ad Amelia

Terminato la visita culturale delle chiese e degli edifici storici, cosa fare ad Amelia in un giorno? Se vi piace andare per musei, proponiamo la visita al Museo Civico Archeologico e alla Pinacoteca "Edilberto Rosa". Organizzato tematicamente all’interno dei tre piani, la raccolta è ospitata nell’ex Collegio Boccarini, in origine convento francescano del XIII-XIV secolo, dotato di chiostro a doppio loggiato realizzato nel XVI secolo. La sezione archeologica fornisce un panorama cronologicamente completo della storia di Amelia, dal periodo preromano a quello alto-medievale. Di notevole interesse è la statua bronzea con ritratto di Germanico, alta oltre 2,15 metri. La pinacoteca, collocata al secondo piano, conserva opere provenienti da chiese e palazzi locali, tra le quali si annoverano la tavola con Sant’Antonio Abate (1475), capolavoro di Pier Matteo d’Amelia, il “Cristo crocifisso tra i santi Firmina e Olimpiade” (1557), opera di Livio Agresti.

Altra grande attrazione turistica di epoca romana sono le Cisterne e l’ipogeo amerino, un insieme di cavità del sotterranee che i romani utilizzavano come via di fuga dalla città, come deposito o per la nota abilità nella progettazione degli impianti fognari e idraulici in generale.

Cosa Mangiare ad Amelia

Un’interessante visita alle aziende agricole e cantine locali non può certo mancare nel vostro percorso! Numerose le aziende agricole della zona dove è possibile osservare come le coltivazioni avvengano nel pieno rispetto della natura e assaporare eccellenti produzioni biologiche come miele, marmellate e salse! Provate poi a stuzzicare il vostro appetito con olio extravergine d’oliva DOP locale e gli eccellenti vini DOC o IGT (come lo Sciurio, il Carbio e il Ciliegiolo..) e non ve ne pentirete!! Ottimi accompagnati da formaggi e salumi…meglio ancora se accostati a prelibati primi piatti ai funghi, agli asparagi o al tartufo nero! Carne alla brace, cinghiale e cacciagione completano il menu locale.

>>Consulta i ristoranti migliori nella zona di Amelia! Clicca e prenota

 

Cosa mangiare ad Amelia come dolce? Particolarmente gustosi, tipici dell’amerino, sono i Fichi Girotti. Fatti essiccare, tagliati e riempiti di condimento (cioccolato e canditi; cioccolato e mandorle tostate; cioccolato e noci) i fichi vengono poi passati sotto una pressa artigianale fino a formare una sorta di mattonella dalla forma rotonda. Ogni fase della lavorazione è eseguita rigorosamente a mano!

>>Se hai deciso di vedere Amelia in un giorno e gustare le sue prelibatezze culinarie ti consigliamo di contattare ora gli agriturismi nelle sue vicinanze >> clicca questo link.