http://www.bellaumbria.net/wp-content/themes/bellaumbria/overlay/home.jpg
Cerca Hotel e Agriturismo
1  Camera  2  Adulti  0  Bambini
OK
Festival Delle Nazioni 2013

Festival delle Nazioni 2013

Città di Castello dal 27/08/2012 al 07/09/2013
Tipo di evento:
  • Arte e cultura
  • Festival
  • Mostra
  • Musica
  • Teatro

Telefono: (+39) 075 8522823, (+39) 075 8521142
Fax: (+39) 075 8552461

www.festivalnazioni.com  

Descrizione

Anche quest'anno Città di Castello (e relativo comprensorio) non poteva “esimersi”  dall'ospitare, dal 27 Agosto al 7 Settembre 2013, un appuntamento irrinunciabile per tutti gli amanti della musica da camera, il Festival delle Nazioni 2013,  arrivato alla sua 46ma edizione (nacque nel 1968, ndr). Ogni anno il festival ha un paese ospite, ricordiamo infatti che nelle ultime 5 edizioni sono state protagoniste Ungheria, Israele, Gran Bretagna, Ruussia ed Italia nel 2011, in concomitanza con il 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

Quest'anno a sorpresa la nazione ospite sarà una non-nazione...l'Europa! La scelta di dedicare il Festival delle Nazioni 2013 all’Europa, invece che a una singola nazione come da tradizione, ha un significato fortemente simbolico e vuole essere un contributo a favore del rilancio di una idea di Europa come entità politica e culturale unitaria

Non hai ancora prenotato il tuo soggiorno a Città di Castello? Guarda una lista dei migliori agriturismi in zona! >> vai alla lista

 Il concerto del gruppo Odhecaton sarà dedicato al musicista fiammingo Orlando di Lasso, che scriveva in diverse lingue, utilizzando forme provenienti da tutta Europa, favorendo un’intensa circolazione di idee ed esperienze già dal Cinquecento. Viaggi e lunghe permanenze all’estero diventano, dal Rinascimento in poi, una consuetudine tra i musicisti, che così entrano profondamente in contatto con la cultura del paese ospitante. Si pensi all’influenza della musica italiana su Bach e sull’Europa del Settecento. Il Croatian Baroque Ensemble e il contraltista Paolo Lopez faranno ascoltare esempi di questi intrecci. A Bach sono dedicate due iniziative con il celebre violoncellista Mario Brunello.

Sempre indagando le contaminazioni musicali, il concerto di Simone Sammicheli sarà incentrato sull'influenza che la musica tedesca sulla nascita della scuola pianistica napoletana, toccando la produzione di Thalberg, Martucci e Respighi. 

Verdi sarà protagonista del Festival delle Nazioni 2013, a lui infatti è dedicato il concerto inaugurale con Gabriele Lavia, col testo di Sandro Cappelletto, e i Cameristi della Scala; mentre Riccardo Risaliti esplorerà le parafrasi pianistiche di Liszt su temi verdiani.
Omaggi anche a Wagner, del quale l’Orchestra della Toscana diretta da Jonas Alber eseguirà le ouverture dal Vascello fantasma e Eine Faust, la quinta Sinfonia e la Fantasia corale di Beethoven, che comprende il tema da cui fu ricavato l’Inno alla gioia, oggi inno dell’Unione Europea.
Il concerto del Quartetto Emerson metterà a confronto la prima e la seconda scuola di Vienna, da Mozart a Webern.

Barry Douglas dedicherà il suo concerto a Brahms e Schubert mentre Giuffredi, Mondelci, Nicoletta e Marasco eseguiranno brani di autori delle varie correnti del Novecento. 

Per uno spuntino prima dei concerti, scegli il tuo ristorante a Città di Castello tra quelli consigliati da Bella Umbria!

Con una produzione in prima italiana sarà presente Michael Nyman, uno dei padri del minimalismo, che ha influenzato generazioni di compositori. Da segnalare anche la presenza di musiche di Giovanni Sollima, autore fra i più interessanti della sua generazione. Un progetto di Nextime Ensemble inoltre è dedicato a Luciano Berio nel decennale della morte.
Per concludere è bene ricordare che il Festival delle Nazioni 2013 valorizza i giovani con i corsi di formazione e perfezionamento musicali, che permettono a diplomati e diplomandi di istituti formativi internazionali di incontrare docenti di chiara fama. Grazie ai corsi si rinnova anche il premio “Alberto Burri”, che prevede un riconoscimento a sostegno della formazione musicale del vincitore. Infine, si conferma il corso sul metodo Kodály, ormai annuale appuntamento di riflessione sulla didattica musicale nel nostro Paese.

Per il Programma completo del Festival delle Nazioni 2013, prenotazioni, biglietti ed ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare il sito ufficiale del Festival.