http://www.bellaumbria.net/wp-content/themes/bellaumbria/overlay/home.jpg
Cerca Hotel e Agriturismo
1  Camera  2  Adulti  0  Bambini
OK
Sant'antonio Abate

Sant'Antonio Abate

Tipologia:
  • Religione e Spiritualità
Cascia, Norcia, Monteleone di Spoleto, Preci, Scheggino, Vallo di Nera

Descrizione

Sant'Antonio abate (Coma, Qumans, Egitto 250/251 - deserto della Tebaide 17 gennaio 356/357), è il protettore degli animali domestici, del bestiame, del lavoro del contadino ed affini e/o derivati (come macellai, fornai, pizzicagnoli, salumieri, tosatori, canestrai, ecc.), del fuoco, delle malattie della pelle (ad esempio l'herpes zoster, il “fuoco di sant'Antonio”) e dei becchini. Ritenuto inoltre il primo degli abati e fondatore e precursore dell’ascetismo monastico cristiano, tanto che san Benedetto si ispirerà a lui nel VI secolo per la creazione del monachesimo occidentale. E, quindi, considerato anche il protettore degli eremiti e dei monaci.

 >>Vuoi vedere i luoghi di Sant'Antonio Abate? Consulta ora le offerte dei migliori agriturismi in Valnerina.

>> Ci sono offerte  in scadenza per hotel in Valnerina! Clicca e consultale subito.

Detto anche sant'Antonio il Grande, sant'Antonio d'Egitto, sant'Antonio del Fuoco, sant'Antonio del Deserto, sant'Antonio l'Anacoreta e sant’Antuono (quest'ultimo usato nell'Italia Meridionale per non confonderlo con sant'Antonio da Padova, ndr), è uno dei santi più amati e venerati nei borghi della Valnerina, dove lo si festeggia, come in tutta Italia, il 17 Gennaio di ogni anno:

  • a Cascia la Festa di S. Antonio Abate è inserita all'interno del contenitore di eventi "Tradizione, che Passione!". Tre giorni di festa con due sante messe, l'asta delle agnelle e la Rassegna Interregionale delle “Pasquarelle”, uno dei più antichi e più importanti eventi di musica popolare della Valnerina;
  • a Norcia, presso il Monastero di Sant'Antonio delle monache benedettine, santa messa e benedizione del bestiame, del sale e del grano. A seguire sfilata dei pastori per la città ed asta delle agnelle. Per info: Comune di Norcia, tel. (+39) 0743 824911;
  • a Monteleone di Spoleto i legnaioli, dopo aver fatto benedire i loro animali da soma come asini, muli e cavalli, lasciano al Parroco il loro carico di legna, che servirà a scaldare la canonica durante il lungo periodo invernale;
  • a Preci i festeggiamenti avvengono durante il pomeriggio, al centro Caritas. Messa ore 15:00, a seguire benedizione degli animali e rinfresco nel piazzale antistante il centro Caritas;
  • a Scheggino, dopo la Messa, sul Sagrato della Chiesa di San Nicola o nella Piazza principale, il Parroco del paese benedice tutti gli animali che vengono accompagnati dai rispettivi proprietari. Segue generalmente un piccolo rinfresco od aperitivo offerto a tutti i presenti dai Santesi (organizzatori della manifestazione) nell'Aretta di Sant'Antonio. Segue un pranzo in un ristorante locale dove tradizionalmente partecipano solo uomini, ed in quell'occasione c'è l'elezione dei Santesi che hanno il compito di organizzare la Festa dell'anno successivo. Per maggiori info: Comune di Scheggino, tel. (+39) 0743 613232.

  >>Se hai deciso di vedere i luoghi di Sant'Antonio Abate ti consigliamo di contattare ora gli agriturismi in Valnerina >> clicca questo link.